Firenze ospita il G20 dell’agricoltura dal 2 al 14 settembre 2021 e in quell’occasione dedica ai temi “Sostenibilità e resilienza agroalimentare” Il Ciclo di incontri sul vino in preparazione del G20 dell’Agricoltura 2021. Realizzati dalle Donne del Vino in Collaborazione con il Comune di Firenze e incorniciati della Mostra di Elisabetta Rogati- Enoarte nella Sala d’Arme.
Per circa 15 giorni, l’Associazione Donne del Vino in collaborazione col Comune di Firenze e con la pittrice Elisabetta Rogai, che allestirà nella Sala d’Arme la mostra delle sue opere dipinte con il vino, organizzeranno incontri, conferenze e degustazioni. Esse mirano a evidenziare come il vino sia uno strumento di sostenibilità sociale, economica e ambientale oltre che un accorciatore delle distanze fra città e campagna. Le risorse endogene e il patrimonio di storia e cultura, dei territori del vino italiani e toscani, diventano chiavi di ripartenza in linea con gli obiettivi UE.  
Per 15 giorni in settembre, Firenze sarà portavoce dei valori che attraverso il vino conducono alla tutela dell’ambiente e del paesaggio rurale, la salvaguardia dell’occupazione e la qualificazione del lavoro agricolo, lo sviluppo sostenibile sociale e economico delle zone di campagna soprattutto in relazione alle nuove generazioni, l’introduzione dell’innovazione e della digitalizzazione, la salute e la sana alimentazione, l’accorciamento della catena alimentare e della distanza fra città e campagna. 
Lo farà con un calendario ricco di eventi, incontri, kermesse, tavole rotonde, rassegne, visite guidate, dibattiti, degustazioni, etc…in cui s’inserisce, in Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, la grande mostra personale della pittrice Elisabetta Rogai che celebra il decennale della sua Enoarte
Nello spazio espositivo saranno presenti anche degli orci di terracotta toscani in riferimento alla tecnica di conservazione del vino in contenitori fittili presente nella regione già in epoca etrusca. 
Nella stessa zona potranno essere esposte delle tavole apparecchiate arricchite da argenti. Tale iniziativa intende valorizzare l’artigianato toscano della mise en place e l’ospitalità elegante che ne deriva come cornice del vino e connotato dell’ospitalità nella regione Toscana. 

PROGRAMMA 
“TERRITORI, CULTURA, ARTE DEL VINO A PALAZZO VECCHIO”
Visite guidate esclusive
 nelle stanze private del Barone Bettino Ricasoli, Primo Ministro del Regno Unito nel periodo di Firenze Capitale nonché inventore della “ricetta del Chianti”.

SPECIAL EVENT 
La pittrice Elisabetta Rogai realizzerà un’etichetta celebrativa per il G20 dell’Agricoltura di Firenze che verrà apposta su 100 bottiglie prodotte da 17 Donne del Vino Toscane e che verranno messe a disposizione dal Comune di Firenze per gli omaggi istituzionali. 

Associazione Nazionale donne del Vino

L’associazione è nata a Firenze nel 1988 ed è presente in tutte le regioni italiane con 940 socie: produttrici, ristoratrici, enotecarie, giornaliste, sommelier ed esperte del settore. Promuove la cultura del vino e il ruolo delle donne nella società e nel settore enologico attraverso convegni, ricerche, azioni di comunicazione, charity, viaggi di studio, trasferimento di know how e sharing.

E’ la più grande associazione di vino al femminile del mondo ed ha costituito, a SIMEI 2019, un network internazionale fra le consorelle di 10 Paesi esteri. 

Per essere sempre aggiornati basta un click con l’applicazione wine app scaricabile da tutto il mondo sia da dispositivi cellulari sia da tablet Apple,  Android  Web app

Commenta