Dal 14 al 17 aprile 2024 a Verona si terrà uno degli eventi enologici più importanti nel mondo: il Vinitaly.

Il giorno dell’inaugurazione, il 14 aprile alle ore 14.00, nel Padiglione 8, nello spazio istituzionale della Regione Autonoma della Sardegna, la delegazione sarda dell’associazione nazionale “Le Donne del Vino” presenterà: “La vigna sul mare” un racconto dedicato all’eleganza del Cannonau, vitigno principe della nostra Isola.

Protagonista assoluto sarà il Cannonau, raccontato dalle relatrici nei suoi diversi aspetti da quelli strettamente vitivinicoli passando per l’enoturismo per concludere con l’innovazione.

“Questo è un appuntamento al quale lavoriamo da tempo dichiara la delegata Nina Puddu.  “La Vigna sul mare“, raccolta di storie di Grazia Deledda, scrittrice sarda primo Premio Nobel femminile per la letteratura nel 1926,  è il titolo dell’incontro, e ci permetterà di raccontare il mondo del vino connettendolo alla scrittura e all’identità dei nostri luoghi, in particolare il Cannonau che vogliamo presentare nella sua veste più moderna e raffinata”.

L’argomento scelto è assolutamente in linea con il tema associativo dell’anno 2024 “Donne, Vino e Cultura” ed esprime l’anima e il carattere del territorio e delle donne sarde a tutto tondo. L’incontro sarà moderato dal giornalista del Gambero Rosso Giuseppe Carrus, aprirà i lavori la delegata regionale Nina Puddu, produttrice dell’azienda vitivinicola Fratelli Puddu di Oliena, seguiranno gli interventi delle diverse socie: l’imprenditrice de “Le Strade del Gusto” e vice delegata Cristina Mamusa, la ristoratrice del Convento San Giuseppe di Cagliari e vice delegata Luisa Carangiu Bayre, la consulente di Marketing territoriale progettista con Wine App e Sardegna wine&food Nadia De Santis di Alghero, la presidente regionale dell’Associazione “Movimento Turismo del Vino Sardegna” e produtrice della Cantina Su’Entu Valeria Pilloni di Sanluri.

Iniziativa che si può trovare anche nell’applicazione Wine App

Le donne del Vino invitano tutti al Vinitaly per Degustare il Territorio Sardo.

Commenta